La leggenda del Cortile sette fate

Da  •  18 aprile 2017 alle 13:14

CORTILE SETTE FATE
Nei pressi del quartiere di Ballarò si trova una piccola piazza dal nome suggestivo, si tratta di Cortile sette fate. L’origine di questo nome viene da una leggenda che il Pitrè, dopo aver raccolto varie testimonianze, racconta in un suo libro dedicato alle credenze popolari siciliane.
Proprio in questa piazzetta, che si trova di fronte al Monastero di Santa Chiara, si racconta che di notte sette bellissime donne scegliessero qualcuno da portare con loro. Il fortunato veniva condotto dalle sette fate a vedere luoghi straordinari, invitato a partecipare a meravigliose feste con canti e balli e condotto sopra il mare dove gli veniva regalata la possibilità camminare sull’acqua senza bagnarsi. Con il giungere della luce del giorno le belle fanciulle sparivano lasciando all’uomo o alla donna che avevano scelto, solo il ricordo di quella fantastica notte.

Di seguito il testo originale del Pitrè:
«‘Ntra stu Curtigghiu di li setti Fati, ‘nta la vanidduzza chi spunta ‘nfacci lu Munasteriu di Santa Chiara, vonnu diri ca la notti cci vinìanu sette donni di fora, tutti una cchiu bedda di ‘n’àutra. Sti donni si purtavanu quarchi omu o puramenti quarchi fimmina chi cci parìa a iddi, e cci facianu vidiri cosi mai visti: balli, sònura, cummiti, cosi granni. E vonnu diri puru ca si li purtavanu supra mari, fora fora, e li facianu caminari supra l’acqua senza vagnàrisi. Ogni notti faciànu stu magisteriu, e poi la matina spiriànu e un si nni parrava cchiui. Di ddocu nni veni ca stu curtigghiu si chiama lu curtigghiu di li setti Fati.»

Giuseppe Pitrè, “Usi e costumi, credenze e pregiudizi del popolo siciliano”

Scopri i mercati di Palermo–> Ballarò, Capo e Vucciria
Scopri altre leggende di Sicilia–> L’elefante nano