• FUORI CATALOGO

    Gli Arabi in Sicilia, nei disegni di Bruno Caruso

TITOLO: Gli Arabi in Sicilia, nei disegni di Bruno Caruso

Bruno Caruso ha scelto e illustrato passi tratti dalla Biblioteca arabo-sicula di Michele Amari, racconti che parlano di Arabi e di Sicilia, di quegli Arabi che «si insediarono talmente nel territorio
siciliano che ormai ne fanno parte integrante e indissolubile», al punto da dar vita idealmente, com’egli dice, ad una «unica razza mediterranea»; la Sicilia tutta è ormai un inestricabile impasto: dalle parole rimaste nella lingua, ad alcuni costumi, al colore degli occhi e dei capelli delle siciliane
più belle.Nei suoi disegni, spesso distinguiamo il siciliano dall’arabo solo dal costume: identico lo sguardo ardente, i tratti pronunciati, le guance scavate. Rileggiamo così Edrisi, Ibn Giubair, Ibn Hawqal, per citare i più celebri, come illuminati, grazie ai disegni, da una luce diversa, una brillante e calda atmosfera mediterranea che ci fa rivivere le emozioni che gli Arabi, più di mille anni fa, provarono mettendo per la prima volta piede, da conquistatori, sul suolo siciliano.
Questi disegni, e il libro che ne è nato, testimoniano di una grande passione e di un grande amore per un popolo sentito come fratello, tanto più nell’attuale difficile congiuntura: un
omaggio e un invito all’amicizia e alla pace.
Gli Arabi in Sicilia nei disegni di Bruno Caruso, edizioni Kalós, contiene una introduzione dello stesso Caruso, un breve saggio di Giuseppe Quatriglio sulla figura di Michele Amari, alcuni
brani riguardanti la Sicilia tratti dalla “Biblioteca arabo-sicula” e notizie sugli autori arabi citati.
Bruno Caruso, pittore e intellettuale, dal 1959 stabilitosi a Roma, ha esposto in tutto il mondo e le sue opere si trovano nelle grandi collezioni e nei principali musei. L’illustrazione è una sua grande passione, e così l’interesse per la cultura e il mondo arabi: già nel ’79 ha illustrato con una sessantina di disegni il Viaggio di Ibn Gyubair, uscito poi in volume, e le poesie di Ibn Hamdis, una cartella con acqueforti presentata da Leonardo Sciascia.

Testi di Bruno Caruso, Giuseppe Quatriglio, e brani della Biblioteca arabo-sicula di Michele Amari

22,00 11,00